SUPPORTO PER I CAREGIVER

Prendersi cura di qualcuno a cui è stato diagnosticato un disturbo alimentare può essere opprimente ed estenuante. 

I caregiver spesso riferiscono che sostenere la persona amata influisce sulla propria salute fisica e mentale.
È quindi importante disporre di una propria rete di supporto. 

Laddove possibile, assicurati di avere del tempo lontano dalla persona amata per fare le cose che ti piacciono e ottenere supporto dagli altri, anche se ti può sembrare egoistico, ma in realtà ti rafforzerà e ti aiuterà a superare i momenti difficili.

L’esperienza di ogni caregiver nel sostenere la persona amata è individuale, così come il modo in cui gestiscono il proprio benessere. 

Le seguenti idee sono state suggerite da altri caregiver che hanno supportato qualcuno con un disturbo alimentare:

  • Cerca supporto per te stesso, che si tratti di consulenza formale, chat con amici, supporto tra pari o gruppi di auto mutuo aiuto. Ricorda il detto “Non puoi versare da una tazza vuota”: devi occuparti del tuo benessere e delle tue risorse per supportare al meglio la persona amata.
  • Prenditi del tempo per gestire le tue aspettative di recupero. Può essere difficile non assumersi la responsabilità di “risolvere” immediatamente il problema; tuttavia, mentre il recupero è del tutto possibile, il percorso è spesso lento e non rettilineo. Il desiderio di una soluzione rapida può diventare travolgente, ma è anche impossibile. Accettare ciò che sta accadendo e riconoscere che alcune cose sono al di fuori del tuo controllo ridurrà la pressione che stai esercitando su di te.
  • Ricordati che tutti commettono errori; ci saranno momenti in cui rifletti che una situazione avrebbe potuto essere gestita meglio o rimpiangi qualcosa che hai fatto o detto. Invece di rimproverarti per questi, riconoscili e impara da loro – stai affrontando una situazione molto difficile e stai facendo del tuo meglio.
  • Scrivi un elenco di modi in cui le altre persone possono aiutarti: potrebbero essere cose pratiche quotidiane o un aiuto diretto per supportare la persona di cui ti occupi. La scrittura di un elenco consente di chiedere aiuto con attività specifiche in base agli interessi e alle capacità della propria rete di supporto.
  • Prenditi del tempo per riflettere su come ti senti e sulle tue emozioni, come modo per comprendere i tuoi bisogni. 
  • Concediti il ​​permesso di soddisfare le tue esigenze. Pensa a ciò che ti piace o ti fa sentire meglio: un hobby, l’esercizio fisico, vedere gli amici o praticare la mindfulness. Sarai in grado di sostenere maggiormente la persona amata se hai avuto la possibilità di concentrarti sul tuo benessere.
  • Suddividi le aree di stress della tua vita in blocchi che sembrano più gestibili. Piuttosto che sentirti schiacciato da un blocco unico, ci sono aspetti della situazione stressante per cui sei in grado di pensare a soluzioni? Se, ad esempio, sei preoccupato per una imminente conversazione con il medico della persona amata, scrivi un elenco di domande o dubbi che hai prima della riunione. Questo ti aiuterà a sentirti più preparato per la conversazione. 
  • Lavora sulla comunicazione costruttiva attraverso l’uso di frasi che abbiano come soggetto “io”, piuttosto che “tu”, che possono essere accusatorie e comportare che l’altra persona si metta sulla difensiva.
  • Considera cosa ti aiuterà a sentirti più consapevole del momento presente, piuttosto che sentirti come se tutto ti girasse nella testa. Sperimenta diverse tecniche di auto centramento. Esercizi di respirazione, come quelli che si trovano sui video o sulle app di YouTube, possono anche essere una risorsa utile per aiutare le persone a liberarsi dalle tensioni e riportarle nel momento presente.
  • Pratica l’auto-empatia. Non hai chiesto di essere in questa situazione, né sei responsabile per questo. Esercizi per aiutarti a praticare l’auto-empatia sono disponibili su Internet.

© Copyright - Associazione Midori - Sito realizzato da Kymos Srl e dolp_dove osano le parole