LINGUAGGIO

Il disturbo alimentare può indurre la persona amata a fraintendere ciò che viene detto, il che può lasciarti incerto su cosa dire. Di seguito sono riportati alcuni esempi di cose che potresti dire innocentemente e che cosa può invece percepire la persona malata di disturbo alimentare. Potrebbe essere utile condividere questi esempi con altre persone che probabilmente parleranno con la persona amata (familiari, amici, compagni di scuola, etc…), per aiutarli a capire di più sul disturbo alimentare ed evitare conversazioni sconvolgenti.

Mangia normalmente
Cosa viene percepito dal malato: “non stai provando abbastanza, non è difficile mangiare, è colpa tua, devi superare questa cosa.”
Alternativa positiva: “So che per te è difficile, sono qui per aiutarti”.

Ricorda che agli estranei può sembrare che le persone con disordini alimentari debbano semplicemente mangiare o semplicemente smettere di vomitare o abbuffarsi. Questo non è il caso: i disturbi alimentari non sono una scelta, ma sono gravi malattie mentali che la persona deve sostenere. È quindi importante riconoscere alla persona che sai che è difficile per loro e che sei lì per sostenerli.

Ti trovo bene
Cosa viene percepito dal malato: “sembri grasso, sei ingrassato, sei sano ora, quindi le cose sono facili per te.”
Alternativa positiva: “come ti senti?” 

Ricorda che qualsiasi commento relativo all’aspetto “più sano” o “migliore” è spesso inteso nel senso che la persona è ingrassato. Invece di commentare il loro aspetto fisico, cerca di chiedere alla persona come stanno.

Vorrei avere il tuo controllo
Cosa viene percepito dal malato: “sei fortunato ad avere un disturbo alimentare, hai il controllo della malattia, è una buona cosa essere ossessivo con il cibo, il peso e la forma.”

Quando qualcuno soffre di un disturbo alimentare la malattia lo controlla e combattere i pensieri e i comportamenti ossessivi è estremamente difficile. Evita di commentare il disturbo alimentare come se fosse una scelta della persona.

Devi solo smettere di mangiare così tanto
Cosa viene percepito dal malato: “sei grasso, sei goloso, il binge eating non è un problema, lo stai inventando, è facile smettere di abbuffarsi.”

Alternativa positiva: “vedo quanto è difficile per te, non sei solo, sono qui per sostenerti, ce la farai”
Ricorda di riconoscere quanto sono difficili le cose per la persona amata e quanto deve essere angosciante il disturbo alimentare. Falle sapere che sei lì per supportarla.

Guarisci presto
Cosa viene percepito dal malato: “è facile superare questa situazione, non ci stai provando abbastanza, sei un peso, sbrigati e migliora.”

Alternativa positiva: “sono orgogliosa di te, stai combattendo una guerra difficile contro la malattia, e io sarò sempre con te ad aiutarti”.

Vorrei avere il tuo corpo
Cosa viene percepito dal malato: “sei fortunato ad avere un disturbo alimentare, lo stai facendo solo per apparire in un certo modo, devi continuare a avere i comportamenti alimentari disordinati, tipici della malattia”.

Ricorda: cerca di evitare di discutere del tuo peso e della tua forma di fronte alla persona amata in quanto questi discorsi sostengono la malattia. Concentrati invece su argomenti lontani dall’immagine corporea, dal cibo o dall’esercizio fisico.

Posso facilmente finire un pacchetto di biscotti, quindi so esattamente come ti senti
Cosa viene percepito dal malato: “tutti mangiano in questo modo, non hai problemi, è normale abbuffarsi, non meriti sostegno.”

Ricorda: a volte molte persone mangiano troppo e questo può essere innescato da emozioni difficili da gestire, ma questo non è lo stesso che avere un disturbo alimetare. L’abbuffata è estremamente angosciante per la persona che soffre di disturbo alimentare e coinvolge la persona che sente una perdita di controllo mentre mangia. È bene capire, evitando di banalizzare ciò che la persona sta attraversando.

ESTERNALIZZARE LA MALATTIA

Esternalizzare il disturbo alimentare – vederlo separato dalla persona amata – può aiutarti a lottare contro i comportamenti del disturbo alimentare. Questa sfida al disturbo alimentare può portare la persona amata a comportarsi in modo strano, ma questa è spesso la malattia che reagisce quando si sente minacciata. Esternalizzando la malattia, puoi anche aiutare la persona amata a riconoscere i propri pensieri e comportamenti derivanti dal disturbo alimentare. Per fare questo, può essere utile affrontare il disturbo alimentare come distinto dalla persona amata.

Per esempio:

  • Che cosa ha detto il disturbo alimentare per farti sentire incapace di mangiare la merenda?
  • Che cosa ha detto il disturbo alimentare per indurti a vomitare dopo la cena?”

Esternalizzare il disturbo alimentare può anche aiutare la persona amata a sentirsi meno come se fosse criticata o incolpata: entrambi riconoscete che è il disturbo alimentare.

Esternalizzare il disturbo alimentare non sarà utile per tutti.
Alcune persone possono pensare che il disturbo alimentare sia parte di loro, piuttosto che separato, e potrebbero avere difficoltà con domande come quelle sopra. Potrebbe anche essere percepito come un tentativo di minimizzare quello che sta succedendo alla persona. In questo caso, è utile discutere con l’equipe medica, per trovare una forma di  dialogo che funzioni per tutti.

© Copyright - Associazione Midori - Sito realizzato da Kymos Srl e dolp_dove osano le parole