AIUTARE UN DIPENDENTE

I dipendenti con disturbi alimentari spesso presentano poche difficoltà sul lavoro ed eccellono nel loro lavoro. Qualunque difficoltà incontrino, faranno sforzi enormi per evitare che il loro disturbo venga notato sul lavoro. La situazione lavorativa in sé non causa a qualcuno un disturbo alimentare, sebbene lo stress legato al lavoro possa essere un fattore che aggrava il problema. Chiunque può essere colpito, qualunque sia il loro livello in un’organizzazione.

Esistono in genere tre modi in cui un disturbo alimentare può essere portato all’attenzione di un datore di lavoro:

  • Il dipendente te lo dirà personalmente: questo è insolito ma è un segno positivo.
  • Segni e sintomi esteriori. Mentre alcuni cambiamenti fisici, come aumento di peso, perdita o fluttuazioni, potrebbero diventare evidenti, la prima cosa che è probabile che cambi è il comportamento della persona. Potrebbero mostrare stress e ansia crescenti, isolamento sociale, bassa autostima, sbalzi d’umore, irritabilità o difficoltà di concentrazione.
  • I colleghi si preoccupano e informano il datore di lavoro della loro preoccupazione per un collega. Questa è la situazione più comune. Per il trattamento potrebbe essere necessario un periodo lungo di assenza dal lavoro. Potrebbe essere necessario modificare le modalità di lavoro, sia in termini di riduzione d’orario o che di responsabilità, per tener conto delle esigenze di salute della persona affetta da disturbo alimentare.

Se qualche dipendente si prende cura di qualcuno con un disturbo alimentare, questo può influire anche sul suo benessere fisico e mentale. Essere in grado di accompagnare un bambino o un partner alle terapia è fondamentale e le pratiche di lavoro flessibili che possono aiutare il lavoratore a prendersi cura dei propri cari sono estremamente utili.

© Copyright - Associazione Midori - Sito realizzato da Kymos Srl e dolp_dove osano le parole